Comunicato stampa MSA: azione in sede amministrativa a favore di coloro che possiedono laurea e 24 cfu

Comunicati

A seguito della recente sentenza con cui il Tribunale di Roma ha sancito il valore abilitante della laurea unitamente ai 24 cfu, MSA riapre i termini per un’azione giudiziaria al Giudice del Lavoro

 

Di fine marzo la storica sentenza del Tribunale di Roma secondo cui la laurea, unitamente ai 24 crediti formativi in materie psico-antropo-pedagogiche, costituisce titolo abilitante e consente, di conseguenza, di entrare nella seconda fascia delle graduatorie d’Istituto. Con questa pronuncia, il legislatore ha avallato pienamente le argomentazioni dello studio legale B&Z di MSA, a favore di una docente ricorrente che ha potuto così ottenere l’inserimento, a pieno titolo, nella seconda fascia delle graduatorie d’istituto del personale docente.

Le parole della sentenza non lasciano spazio a dubbi: “La ricorrente è in possesso di un titolo abilitante all’insegnamento costituito dal diploma di laurea e dai 24 cfu”. Inoltre, dalle successive parole del Giudice secondo cui “vanno disapplicate tutte le disposizioni emanate dal Ministero che prevedono l’abilitazione quale requisito per accedere alle graduatorie ad esaurimento ed alla fase del concorso” risulta evidente che una procedura amministrativa, quale per esempio quella relativa ai percorsi Tfa, Pas e SSIS, non debba compromettere l’accesso garantito dalle qualifiche professionali acquisite dai docenti.

La decisione del Tribunale si basa sulla non conformità del diritto interno alla norma sovranazionale. Infatti, la direttiva 2005/36/CE impone, assieme al relativo Decreto attuativo, il possesso di una qualifica professionale idonea e sufficiente al fine di esercitare una professione regolamentata, come l’insegnamento.

L’importanza storica della sentenza del Tribunale di Roma incide sulla possibilità di tutti coloro che oltre al diploma di laurea hanno anche conseguito i 24 crediti di accedere ai ruoli della scuola. “Siamo soddisfatti di questa pronuncia favorevole che illustra un’apertura da parte del Giudice del Lavoro nei confronti delle tante problematiche del mondo scuola e, proprio in virtù di questa vittoria, riapriremo i termini per l’adesione al ricorso al Giudice del Lavoro al fine di consentire ai laureati con 24 cfu di entrare nella seconda fascia d’istituto” commenta il Prof. Luciano Scandura, responsabile dell’Associazione MSA (comparto scuola).

Oltre a riaprire i termini per l’adesione al ricorso al Giudice del Lavoro a favore dei laureati in possesso dei 24 cfu, MSA estende l’azione giudiziaria anche ad altre categorie: abilitati all’estero il cui titolo sia in attesa di riconoscimento, docenti classe A-66, diplomati Isef, diplomati Itp, laureati post 2015, diplomati Afam e docenti con 36 mesi di servizio.

Per conoscere ulteriori dettagli su questa e altre azioni patrocinate da MSA (comparto scuola), contattate MSA al numero 392-6225285 (telefonicamente o via Whatsapp).

Per conoscere ulteriori dettagli su questa azione patrocinata da MSA scuola,

>>Clicca qui


Per INFo contattate MSA al numero 392-6225285 (telefonicamente o via Whatsapp).

Condividi