RICORSO AL TAR LAZIO CONCORSO STRAORDINARIO 2019/20

Ricorsi

A CHI È RIVOLTO IL RICORSO?

Possono aderire al ricorso:

– coloro che abbiano conseguito diploma o laurea (che dà accesso a una classe di concorso) unitamente ai 24 cfu in materie psico-antro-pedagogiche;

– coloro che abbiano prestato, in tutto o in parte, complessivamente 3 anni di insegnamento presso istituti scolastici paritari;

– coloro che abbiano prestato, in tutto o in parte, complessivamente 3 anni di insegnamento presso i centri di formazione professionale con espletamento dell’obbligo formativo.

 


Clicca qui per iscriverti al Canale MSA


PERCHÉ FARE RICORSO?

Con riferimento alla pubblicazione del Decreto Scuola che regolerà il Concorso straordinario emerge con chiarezza che non potranno partecipare al concorso straordinario (e dunque non otterranno l’immissione in ruolo) i docenti:

– che siano in possesso del titolo di laurea unitamente ai 24 cfu, senza servizio;

– che abbiano maturato il servizio dei 3 anni scolastici (almeno 180 giorni per ciascun anno scolastico) anche in parte (ad es. 1 anno su paritaria) presso istituti scolastici paritari;

– che abbiano maturato il servizio dei 3 anni scolastici (almeno 180 giorni per ciascun anno scolastico) anche in parte (ad es. 1 anno su paritaria) presso i centri di formazione professionale che assolvono all’obbligo scolastico.

FONDAMENTO GIURIDICO DEL RICORSO

A parere dell’ MSA, il titolo di laurea (che consente l’accesso a specifiche classi di concorso) unitamente ai 24 CFU (che secondo i Tribunali del Lavoro consente l’accesso alla seconda fascia delle graduatorie di circolo e di istituto), è titolo che deve consentire l’accesso al concorso straordinario (quello finalizzato all’immissione in ruolo).

E’ illegittimo che la laurea unitamente ai 24 CFU conseguiti in materie psico-antropo-pedagogiche non consenta la partecipazione al concorso straordinario finalizzato all’immissione in ruolo ma soltanto al concorso che servirà per ottenere l’abilitazione; il titolo di laurea + 24 cfu è titolo abilitante come statuito da numerosi tribunali a seguito dei ricorsi 2° fascia giudice del lavoro ideati da questo studio”.

L’illegittimità del bando in riferimento a tale tipologia di aspiranti docenti deve essere oggetto di un ricorso collettivo innanzi al Tribunale Amministrativo Regionale competente.

In merito alla scuola paritaria ed ai centri di formazione professionali, è evidente che sulla base dei recentissimi interventi giurisprudenziali del Tar Lazio, va dichiarata l’illegittimità del bando di concorso e del decreto scuola nella parte in cui escludono i docenti che hanno prestato servizio presso i centri di formazione professionali e presso la scuola paritaria.

 

OBIETTIVO FINALE DEL RICORSO

Il ricorso ha come obiettivo l’accertamento del diritto dei ricorrenti alla partecipazione al concorso straordinario per l’immissione in ruolo.

 COSTO DEL RICORSO

Il costo del ricorso è pari a 90€ per gli iscritti MSA.

Il ricorso è gratuito per tutti coloro che hanno un reddito inferiore ad euro 11.493,82.   >>Modello<<

ADESIONI ENTRO “10/04/2020


Istruzioni e allegati  del ricorso

>>Istruzioni<<

>>Allegati<<