RICORSO “ABILITAZIONE DOCENTI 180 PER 3 TECNOLOGIE MUSICALI ” AL GIUDICE DEL LAVORO!

Ricorsi

RICORSO “ABILITAZIONE DOCENTI 180 PER 3 TECNOLOGIE MUSICALI ” AL GIUDICE DEL LAVORO!

 

AZIONE GIUDIZIARIA PER L’INSERIMENTO IN SECONDA FASCIA DELLE GRADUATORIE DI ISTITUTO A BENEFICIO DEI DOCENTI CON ALMENO 3 ANNI DI SERVIZIO, ANCHE NON CONSECUTIVI (180 GIORNI PER 3 ANNUALITA’).

 

CLASSE DI CONCORSO A063

 

IN PARTICOLARE POSSONO ADERIRE:

 

Gli insegnanti in possesso del titolo di studio con indirizzo Liceo Musicale e Coreutico e l’ulteriore requisito dei 180 giorni per 3 annualità di insegnamento pregresso specifico su tecnologie musicali.

 

COSA SI CHIEDE AL GIUDICANTE?  

  • L’INSERIMENTO NELLA SECONDA FASCIA DELLE GRADUATORIE DI ISTITUTO (PER LE CLASSI DI CONCORSO INTERESSATE) O NEGLI ELENCHI DI SOSTEGNO DELLA FASCIA DI APPARTENENZA; 
  • RICONOSCIMENTO DELL’ANZIANITÀ MATURATA IN TERMINI DI PROGRESSIONE STIPENDIALE (PER TALUNE CATEGORIE DI RICORRENTI CON SERVIZIO ESCLUSIVAMENTE STATALE).

 

REQUISITI: 

ESSERE DOCENTI IN POSSESSO DI UNA DELLE SEGUENTI SPECIFICHE:  

-ALMENO 3 CONTRATTI AL 30/06 O AL 31/08;  

-ALMENO 180 GG. DI SERVIZIO PER TRE ANNI SCOLASTICI (ANCHE NON CONTINUATIVI); 

-SERVIZIO ININTERROTTO DAL 1 FEBBRAIO FINO AL TERMINE DELLE LEZIONI O DELLE OPERAZIONI DI SCRUTINIO FINALE, PER TRE ANNI SCOLASTICI IN SCUOLA STATALE O PARITARIA; 

-LE CARATTERISTICHE SU DESCRITTE POSSONO ESSERE PRESENTI ANCHE IN MODALITA’ MISTA (ES. 2 CONTRATTI CON 180 GG. ED UN CONTRATTO AL 30.06).

 

PERCHÉ SI RICORRE?

 

Come noto, MSA, in collaborazione con lo studio legale Santonicola/Esposito sta battagliando in sede giudiziaria amministrativa (da ultimo al cospetto del Consiglio di Stato, con riferimento all’impugnativa del Bando di Concorso 2018- Fase Transitoria, Scuola Secondaria) ed europea (procedura di infrazione alla Commissione U.E. avviata a beneficio dei docenti “180 per 3”), in favore di quanti possiedano almeno tre anni di servizio didattico e si vedano relegati in una condizione di eterno precariato, con la negazione dell’abilitazione e di ogni avanzamento retributivo connesso all’anzianità di servizio.

Le iniziative giudiziarie, in via parallela, possono essere attivate anche al  cospetto  delle Magistrature del Lavoro: nello specifico, presso il giudice del territorio dove il ricorrente ha stipulato l’ultimo contratto di servizio statale.

La competenza territoriale è determinata con altre modalità, dettate dal codice del processo civile, per quanti abbiano stipulato tre contratti presso le scuole paritarie.

N.B. I ricorsi innanzi al giudice del lavoro non sono incompatibili con quelli pendenti al Tar, Consiglio di Stato, Presidente della Repubblica, che mirano all’inserimento in seconda fascia  o alla partecipazione al concorso 2018.

 

OBIETTIVO FINALE: RICONOSCERE L’ABILITAZIONE ALL’INSEGNAMENTO CONSEGUITA SUL CAMPO, CON FORTE RICHIAMO ALLA NORMATIVA EUROPEA!

 

COSTI DELL’AZIONE:

L’IMPORTO OMNICOMPRENSIVO, PER TUTTO IL PRIMO GRADO DI GIUDIZIO, AMMONTERÀ AD EURO 850,00.

 

PER COLORO IL CUI REDDITO FAMILIARE LORDO, RIFERITO ALL’ANNO 2017, “FAMIGLIA ANAGRAFICA”, DOVESSE RAGGIUNGERE LA SOMMA DI EURO 34.481,46, ALL’ONORARIO ANDRÀ AGGIUNTO IL VALORE DEL CONTRIBUTO UNIFICATO PARI AD EURO 259,00.

ADESIONI ENTRO IL 15/01/2019

Per qualsiasi chiarimento o dubbio, si prega di contattare MSA al numero 392-6225285 (via telefono o via Whatsapp).

>> Clicca qui per scaricare le istruzioni allegate

 

 

Condividi